Il taglio del vetro partendo dalla lastra di spessore da 3 a 19 millimetri viene eseguito da un banco di taglio. Il banco di taglio è un macchinario a controllo numerico, chiamato anche “pantografo”. Esso è composto da: un piano fisso, vellutato e con fori, che generando un cuscino d’aria permette un facile spostamento del vetro. Infatti, il vetro è molto pesante in quanto pesa 2.5 kg al millimetro per metro quadrato.
Lo spostamento delle lastre di vetro all’interno dei capannoni produttivi avviene grazie all’ausilio di carroponti dotati di bracci meccanici con ventosa.

Il caricamento delle lastre di vetro sul banco di taglio avviene attraverso un caricatore automatico, che posiziona la lastra dal magazzino direttamente sul piano di taglio.
A seconda della programmazione eseguita tramite il software “ottimizzatore”, il pantografo fa muovere un ponte mobile posto sopra al banco di taglio e utilizza un tagliavetro con punta in diamante sintetico, per praticare le incisioni sul vetro. Ciò permette agli operatori di estrarre le lastre di vetro tagliato con facilità.
Il software raggruppa le misure sulla dimensione massima della lastra, riducendo al minimo lo scarto (sfrido) di materiale da tagliare.

I vetri tagliati in questo modo verranno poi troncati da un addetto con l’ausilio del banco di taglio. È opportuno in fase di programmazione (se si lavora su grandi lastre) impostare dei tagli verticali sulla lastra in modo che sia più semplice lavorare su due parti più piccole in fase di apertura dei vetri. Per i vetri laminati stratificati, il taglio viene eseguito sia sulla parte superiore della lastra, sia sulla parte sottostante.

La finitura del bordo dopo il taglio del vetro ha necessità di passare ad una successiva fase di lavorazione, perché molto tagliente. Deve quindi essere molata. Il vetro tagliato è infatti assai pericoloso. Viene maneggiato dagli operatori mediante dispositivi di sicurezza.

Il nostro Ufficio commerciale è a Vostra disposizione per ulteriori informazioni e preventivi commerciale@glastebo.com

Articoli correlati:

Glastebo al Medinit: fiera del made in Italy